11° GRAN GALA DU CIRQUE

XI GRAN GALA DU CIRQUE

Avital-Jochen

Le nuove stelle del circo mondiale e da Monte-Carlo

XI GRAN GALA DU CIRQUE

In esclusiva per Funambolika
Mercoledi 4 Luglio
Teatro D’Annunzio
Ore 21:15

GUARDA IL TRAILER: www.facebook.com/Funambolika/videos/2197450990295108/

Un’idea di Raffaele De Ritis e Alessandro Serena in esclusiva per Funambolika

Una serata unica al mondo, con i nuovissimi numeri di fuoriclasse internazionali pronti a spingere all’estrema meraviglia i limiti del corpo umano, a terra e in aria: comicità, acrobazie, suspence, raffinate coreografie.
Tra gli ospiti:
– lo sconvolgente Duo Ballance (Romania) vincitori dell’ultimo festival di Monte-Carlo;
– la rivelazione aerea Tim Kriegel (Germania), dal Festival di Parigi;
– un incredibile incontro tra calcio e giocoleria con Elena Polach (Rep. Ceca);
– i voli mozzafiato nel vuoto dei pluripremiati Avital e Jochen (Israele/Germania);
– le contorsioni impossibili di Quincy Azzario (Spagna)
– la stella nascente Katlin Vassileva (Bulgaria) dall’Accademia del Circo di Verona.
E come special guest dagli Usa, l’irresistibile Peter Shub, uno dei più applauditi clowns del mondo!

Adulti:
Settore C (non numerato): 10 euro
Settore B (numerato): 20 euro
Settore A (numerato): 25 euro
Bambini
Settore C (non numerato): 5 euro
Settore B (numerato): 7 euro
Settore A (numerato): 10 euro

BIGLIETTI:
www.funambolika.com/biglietti/

Gli artisti

Duo Ballance (Romania), acrobati “mano a mano”
Constantin Ciobotaru e Dan Tazlauanu sono due acrobati e ginnasti che in un lavoro di oltre dieci anni sono a mettere a punto la loro esibizione innovativa. Sono diventati popolarissimi nel loro Paese come vincitori di “Romania Got Talent”, cosa che ha valso loro un contratto con il Cirque du Soleil. Ma la loro consacrazione é avvenuta nel Gennaio 2018 al Festival di Montecarlo dove, oltre a vincere il prestigioso “clown d’argento” hanno ricevuto l’unica standing ovation del concorso. La loro esibizione é apparsa prodigiosa agli esperti di tutto il mondo: impensabili esercizi di forza vengono eseguiti con eleganza e naturalezza, senza pausa alcuna, in un crescendo sempre più impossibile. Dopo essersi esibiti in 40 Paesi di 4 continenti, Funambolika é la loro prima apparizione in Italia.

Tim Kriegel (Germania), ginnasta aereo
Giovanissimo fenomeno di 19 anni, é la rivelazione del momento nelle arti aeree. La sua inedita esibizione alle cinghie sospese gli ha valso la medaglia d’argento 2018 al Festival du Cirque de Demain di Parigi, la più prestigiosa vetrina mondiale del circo contemporaneo. A evoluzioni mai viste prima unisce la grazia sublime del danzatore e una naturalezza impensabile. Ha frequentato la Scuola Statel del Circo e del Varietà di Berlino, e si esibisce per la prima volta in Italia. Dopo Pescara, ha già pronto un contratto in una prestigiosa produzione al Festival di Edimburgo.

Helena Polach (Rep.Ceca), giocoleria
Helena Polach, proveniente da Praga, rappresenta la quarta generazione di una famiglia circense, e ha iniziato a praticare la giocoleria dall’età di dieci anni. E’ riuscita negli anni a sviluppare uno straordinario coordinamento dei movimenti, riuscendo così a creare un numero unico al mondo. Si é infatti specializzata nella giocoleria con palloni da calcio, diventando l’unica donna al mondo a tenere in equilibrio in aria cinque palloni. Ha sbalordito le platee di tutto il mondo con il proprio talento in circhi, teatri, programmi televisivi. Funambolika é la sua prima apparizione in Italia.

Avital and Jochen (Germania/Israele), trapezio oscillante
Marito e moglie, Avital e Jochen sono un duo molto affermato tra le più recenti novità del panorama mondiale, dopo aver vinto la medaglia d’argento nel 2014 al Festival Mondiale di Parigi e quella di bronzo al Festival Internazionale di Arti Acrobatiche di Wu Han (Cina).
Il loro numero é basato su volteggi e difficilissimi salti in oscillazione a sette metri nel vuoto, in una moderna coreografia. Il loro numero é stato messo a punto da Elena Fomina, maestra russa a cui si deve gran parte delle invenzioni aeree del Cirque du Soleil. La musica é appositamente composta da David Goo.

Quincy Azzario (Spagna/Irlanda), contorsionismo/equilibrismo
Di padre spagnolo e madre irlandese, Quincy é nata a Londra in un circo. Viene da Barcellona ma fin dall’infanzia ha girato il pianeta. E’ diventata celebre per aver creato un duo di equilibrio con la sorella Kate, che ha visto la coppia trionfare al Festival di Monte Carlo nel 2012. Quest’anno Quincy ha creato un nuovissimo numero da solista, che fonde in maniera completamente inedita contorsionismo ed equilibrismo. In una creazione di estrema raffinatezza, ci rivela possibilità estreme del corpo umano e momenti di suspence. Questo numero è proposto a Funambolika per la prima volta in Italia, in una pausa di Quincy dalla tournèe del Circus Roncalli, il più prestigioso circo tedesco.

Katlin Vassileva (Bulgaria) contorsione aerea / hula hoop
Katlin viene da una celebre famiglia circense, e ha scelto di studiare in Italia, alla prestigiosa la sua Accademia del Circo di Verona. Dopo il suo diploma nel Giugno 2018, la sua scuola ha scelto Funambolika come trampolino di lancio. Katlin presenta due attrazioni: un innovativo numero acrobatico in combinazione cn l’arte dell’hula hoop; una poetica esibizione al tessuto “unico” (una nuova tecnica), combinata con contorsioni aerei. La sua coreografia acrobatica ha un maestro d’eccezione, Andrea Togni.

Peter Shub (U.S.A.), Clown
Peter Shub è una leggenda mondiale della risata e della pantomima comica, pioniere della clownerie di strada. Shub ha aperto il filone di una nuova comicità, fatta di mimica e gestualità in grado di coinvolgere senza l’utilizzo della parola. La sua ormai popolare silhouette e le sue geniali gag sono state tra le maggiori fonti di ispirazione di un’intera generazione mondiale di comici di circo, cabaret e arte di strada. Peter Shub ha un‘eccezionale padronanza mimica del proprio corpo: perennemente impacciato con gli oggetti e le situazioni, ricorda a tratti l’arte surreale, l’ilarità ma anche la poesia dei grandi protagonisti del cinema muto o del music-hall. Nel 1983 a Parigi trionfa nella versione teatrale di Amadeus di P. Schaffer diretto da Roman Polanski. Nel 1985 è rivelato al mondo del circo vincendo la medaglia d’argento al Festival Mondial du Cirque de Demain di Parigi. Storiche le sue irruzioni nella piazza Rossa in occasione di una indimenticabile tournée a Mosca della caduta del Muro. Nel 1992 la consacrazione: vince il Clown d’Argento al Festival del Circo di Monte Carlo. Crea spettacoli speciali per grandi compagnie come Microsoft, Sony, Mercedes o Lufthansa. Nel 2015 ha proposto il suo one man show al Festival di Avignone.

facebook